Home Page > News > La vita ai tempi del Coronavirus
La vita ai tempi del Coronavirus

Una situazione complessa quella che stiamo vivendo a causa del Coronavirus e che, al di là delle conseguenze negative che sta comportando e comporterà, ci costringe per ora a rimanere a casa. 

Tutto d’un tratto quindi ci troviamo a vivere una realtà nuova, a volte spaesati e impreparati ad affrontare questo lungo periodo. Sono restrizioni che percepiamo con una certa severità e che impattano sulla nostra quotidianità; restrizioni però che si sono rese necessarie per contrastare il dilagarsi del Coronavirus e poter tornare nel minor tempo possibile alla nostra quotidianità.

Per tutti noi, indipendentemente dall’età, l’impatto del Decreto non è indifferente, ma con la giusta consapevolezza della sua importanza, e con alcuni suggerimenti, possiamo superare questo momento di difficoltà.

 

Abbiamo pensato quindi di raggruppare, cercando anche un po' di alleggerire la situazione, alcuni contenuti che potessero aiutarci a passare questo tempo in casa in maniera stimolante e propositiva.

 

Impegnarsi nel sociale:

Proprio nella giornata di ieri Cube Radio, l’emittente accademica dell’Istituto Universitario Salesiano di Venezia e Verona (IUSVE), in collaborazione con noi del CSV di Venezia e con Look Up propone ai suoi ascoltatori GiftTime, #giveyourtime, un’iniziativa volta a stimolare soprattutto i più giovani a mettere a disposizione tempo ed energie per azioni solidali.   Si tratta di comportamenti nel pieno rispetto delle norme prescritte dai recenti decreti legge governativi come, ad esempio, tenere compagnia a persone sole mediante telefono o schermi digitali, aiutare i più piccoli nei loro compiti quotidiani tramite collegamento a distanza o registrare contributi audio da mettere a disposizione gratuitamente. Le informazioni sulla proposta si possono trovare sui siti https://www.cuberadio.it , e sul nostro sito, oltre che nei social di IUSVE Cube Radio.

Solidarietà Digitale:

Un aiuto ci è offerto dall’iniziativa di solidarietà digitale messa in atto dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione. Prima riservata solo alla zona rossa, è stata da poco estesa all’intero territorio nazionale e ci consentirà di usufruire di opportunità di intrattenimento e di svago: è consultabile su https://solidarietadigitale.agid.gov.it/#/ e ha il fine di ridurre l’impatto sociale ed economico, nelle nostre aree soggette a restrizione, grazie a servizi e soluzioni innovativi.

Qualche informazione in più:

In un momento come questo capiamo bene che le informazioni sono importantissime, ma allo stesso tempo non dobbiamo lasciare che passi qualsiasi tipo di informazione che possa portare ad isterismi e creare allarmismi errati. Pertanto riteniamo che sia necessario informarsi solo attraverso canali ufficiali. Di seguito lasciamo le fonti che riteniamo indispensabili per potersi informare correttamente:

 

Un giro per i musei rimanendo sul nostro divano:

Ecco qui la lista di alcuni musei da noi scelti, tra i più importanti al mondo, che al momento si possono visitare stando in poltrona e magari sognando un viaggio quando l’emergenza sarà terminata:

MuVe - https://www.visitmuve.it/it/virtual-tour/ - come non partire con i nostri cari musei veneziani

Pinacoteca di Brera - https://pinacotecabrera.org – Milano

Gli Uffizi - https://www.uffizi.it/mostre-virtuali - Firenze

Musei Vaticani - http://www.museivaticani.va/content/museivaticani/it/collezioni/catalogo-online.html - Roma

Museo Archeologico - https://www.namuseum.gr/en/collections/ - Atene (Grecia)

Museo del Prado - https://www.museodelprado.es/en/the-collection/art-works - Madrid (Spagna)

Louvre - https://www.louvre.fr/en/visites-en-ligne - Parigi (Francia)

British Museum - https://www.britishmuseum.org/collection - Londra (Inghilterra)

E chiudiamo questa panoramica culturale lasciando il link di Google Arts&Culture (https://artsandculture.google.com/explore), una raccolta online di immagini in alta risoluzione di opere d'arte esposte in vari musei in tutto il mondo, oltre che una visita virtuale delle gallerie in cui esse sono esposte. Dove seppur rimanendo a casa si potrà rimanere affascinati dall’arte di tutto il mondo.

Concludendo:

Il mondo della tecnologia ci viene in aiuto in questi momenti difficili, infatti potremmo sempre guardare una delle nostre serie preferite o qualche film che ci siamo persi tramite i vari servizi di streaming oggi disponibili. 

Ma perché no, anche viaggiare con la fantasia leggendo qualche buon libro per il quale non abbiamo mai trovato il tempo. Oppure perché non cimentarsi in cucina in quelle ricette raccolte ma mai provate per il poco tempo o infine dedicarsi a quel passatempo preferito che vista la nostra vita frenetica avevamo accantonato. 

Soprattutto avere più tempo da dedicare ai nostri figli e ai nostri genitori perché in fondo l’unica cosa buona che lascerà questo periodo sarà la consapevolezza che l’aspetto migliore di tutte le situazioni di disagio, è la solidarietà. Perché la solidarietà emergerà sempre, contrastando la forza dell’egoismo e della paura.

Potrebbe interessarti anche...