Home Page > News > Comunichiamo le tre Azioni Pilota selezionate per #tuttamialacittà 2020/2021
Comunichiamo le tre Azioni Pilota selezionate per #tuttamialacittà 2020/2021 26 Novembre 2020

Cavv - Csv di Venezia è lieto di comunicarvi i tre team vincitori della Call for Ideas #tuttamialacittà: il volontariato attivo per la rigenerazione urbana 2020/2021. L'evento pomeridiano online del 20 novembre ha infatto visto le associazioni, che hanno partecipato al percorso di formazione e coprogettazione, presentare le loro Azioni Pilota alla commissione di valutazione.

Componenti commissione: Stefano Munarin (Presidente commissione - Università Iuav di Venezia), Claudio Calvaresi (Avanzi-Sostenibilità per azioni, Milano), Ketty Poles (Direttore Cavv - Csv di Venezia), Licia Ferranna (Università Cà Foscari e ricercatrice presso la Fondazione Venezia), Luca Velo (Tutor scientifico dell’Università Iuav di Venezia per le azioni pilota del progetto #tuttamialacittà©).

“Siamo molto soddisfatti – ha commentato il Presidente di Cavv – Csv Venezia, Mario Morandi – per il numero e la qualità delle proposte presentate in questa edizione. Restituire spazi pubblici ai cittadini, per noi, significa costruire pezzi di un contesto migliore nel quale vivere, maggiormente ricco di opportunità, decoro e animazione culturale.”

Le tre Azioni Pilota vincitrici sono:

SEMINA:TERRENI CREATIVI
Capofila - Gruppo di Lavoro Via Piave Aps
Partner - Live Arts Cultures Aps, Gruppo Informale Momec, Nicola Saba Aps

Semina esprime il desiderio di far maturare la sensibilità per la cura e l’uso immaginifico dello spazio di vita urbana, attivando un processo di riappropriazione del quartiere Piave di Mestre. Il progetto interviene su tre sue aree verdi caratterizzate dalla presenza di spaccio e consumo di sostanze stupefacenti: piazzale Bainsizza, giardini via Sernaglia e giardini Via Piave. Le tre aree verdi diventeranno teatro di iniziative formative, artistiche e culturali che animeranno il quartiere in modo continuativo e sinergico.

In particolare: via Sernaglia ospiterà un’esperienza di arte partecipata che porterà alla realizzazione del Giardino della Memoria Comune, un’installazione vegetale permanente associata a un archivio digitale della memoria; in piazzale Bainsizza verranno realizzati laboratori ed eventi di danza e teatro verticale utilizzando gli alberi e il vuoto per offrire momenti aggregativi di pratiche fisiche e performative, una sorta di palestra urbana sospesa che vedrà l’allestimento di altalene per grandi e piccoli; nel giardino di via Piave si intende organizzare una manifestazione musicale allo scopo di lanciare l’idea che questo spazio aperto possa diventare un luogo di pratica musicale permanente, coinvolgendo le scuole di musica e a indirizzo musicale.



IN ARTE: PACE
Capofila - Cesvitem Onlus
Partner - Centro per la Pace e Legalità "Sonja Slavik", True Hardcore Cycle, Associazione GPS

L'azione pilota In Arte: Pace prevede di continuare i lavori di rigenerazione urbana del Parco Rabin a Mirano iniziati con la 1° edizione del progetto di Cavv - Csv di Venezia #tuttamialacittà attraverso l'azione pilota Mirano Urla!. In questa edizione ci si vuole concentrare sul valore emblematico del Parco della Pace, mettendo in evidenza la relazione pace-arte, rispettando il tema della sostenibilità. 

Il Comune di Mirano ospita proprio nel Parco Rabin i Ginko Biloba inviati dal sindaco di Hiroshima come simbolo dell'accordo in favore dell'abolizione delle armi nucleari nel mondo. Il progetto vuole affiancare accanto ad ogni pianta un'installazione artistica proposta dai ragazzi del quartiere in collaborazione con artisti locali. Le opere saranno realizzate con legno proveniente dagli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia a fine 2018. Il tema della mobilità sostenibile è sostenuto attraverso l'istallazione di un portabici con pompa di gonfiaggio e di un "bike service repair". Fondamentale nel progetto è la parte di comunicazione per raccontare l'importante valore del parco: è prevista la costruzione di piccole strutture espositive  in legno dislocate nell'area, a formare un percorso tematico, utili a contenere al loro interno dei cartelli esplicativi. Questi moduli possono inoltre accogliere delle fotografie o mostre temporanee in concomitanza con gli eventi.